Blush in gel: come crearne uno ed ottenere un effetto naturale
Scopri l'Ebook

Blush in gel: come crearne uno ed ottenere un effetto naturale

26 ott

Blush in gel, questo sconosciuto! E’ quello che mi verrebbe da dire a proposito di questo cosmetico che per la verità non ha molto seguito tra le donne che amano truccarsi. Solitamente, infatti, si preferisce un tipo di blush più pratico, come quello compatto o al massimo quello in crema. Ma cosa rende difficile la sua applicazione? Quali sono invece le caratteristiche e i vantaggi per i quali vale la pena provare questo prodotto? Vediamoli insieme.

come fare un blush in gel

 

Le caratteristiche del blush in gel

Vediamo quindi cosa caratterizza in particolare il blush in gel.

♦  Praticità: sicuramente più pratico di un blush in polvere da un punto di vista della gestione, dato che non si deve avere a che fare con polveri libere. Allo stesso tempo, però, è necessario lavorare subito il prodotto sulla pelle dal momento in cui il colore si fissa subito e dopo diventa difficile sfumarlo bene.

♦  Durata: E’ vero che il colore si fissa subito, ma è altrettanto vero che puoi dimenticare di averlo addosso. La durata è veramente ottima e l’effetto del colore sulle guance permane per lungo tempo.

♦  Effetto: quello che si ottiene applicando correttamente un blush in gel è un effetto davvero molto naturale e fresco. A differenza di quelli in polvere, infatti, il blush in gel si mescola meglio alla grana della pelle, dandoti un’aria davvero semplice.

 

Come creare un blush in gel

Non occorre acquistare un blush in gel: se vuoi prima provare il risultato che ha su di te evitando di sprecare denaro e stabilire così se ti piace o meno, creane uno direttamente a casa tua! Io ho utilizzato questi due prodotti, ovvero un mixing medium (Neve Make up, Rugiada per make up) e un blush minerale in polvere (Neve Make up, Blush Bubblegum).

prodotti utilizzati per creare il blush in gel

Nello specifico ho quindi creato un blush in gel minerale, dato che sono partita da un blush minerale, ma si può utilizzare anche un normalissimo blush (anche se io consiglio comunque quello minerale). Altra precisazione che volevo fare prima di iniziare a vedere come procedere, riguarda il mixing medium: l’ho utilizzato perché ero sprovvista di gel di Aloe, ma in realtà il mio intento era quello di realizzare un blush in gel completamente naturale. Quindi se possiedi un gel di Aloe ( più è puro meglio è, ad esempio, al 97-99%) va benissimo utilizzare quello. Le dosi sono le stesse che vedrai riportate qui di seguito. Se sei interessata a conoscere di più sull’Aloe, leggi l’articolo sull’Aloe vera!

 

Iniziamo a creare il blush in gel!

Versa una goccia di gel o mixing medium in un tappino, ma anche su un piatto di plastica o addirittura sul palmo della tua mano.

versare una goccia di mixing medium sul tappo

Fai cadere un po’ di blush in polvere sul tappino proprio dove hai messo il gel in precedenza. Regolati a occhio: per ottenere una colorazione discreta e naturale la quantità che vedi va bene, altrimenti, se vuoi un risultato più intenso, mettine poco di più.

versare il blush in polvere sul mixing medium

A questo punto prendi uno stuzzicadenti e mescola tutto: otterrai questo composto sotto forma di gel appunto, che sarà il tuo blush in gel!

mescolare con uno stuzzicadenti

 

Applicare il blush in gel per un effetto molto naturale

Una volta ottenuto il tuo blush in gel puoi decidere di applicarlo essenzialmente in due modi: con i polpastrelli oppure con un pennello. Come detto già prima, uno dei possibili svantaggi del blush in gel è che si asciuga subito e, se non lo si lavora immediatamente, potrebbe non essere facile da sfumare. Per questo motivo io preferisco adoperare il pennello. Solitamente, per i prodotti liquidi, in crema o in gel, si utilizzano pennelli dalle setole sintetiche, in modo tale che il prodotto scivoli meglio sulla pelle senza trattenerlo. Ma dato che questo è comunque un “esperimento” ho preferito farti vedere che per la prima applicazione è meglio preferire un pennello dalle setole naturali: non importa se tenderà a trattenere un po’ il colore, potrai sempre aggiungerlo. Questo ti garantisce di non sbagliare facilmente e di tenere sempre sotto controllo il risultato.

prelevare il blush in gel con il pennello

Nelle successive applicazioni, quando ti sentirai più sicura, potrai utilizzare quello in setole sintetiche oppure i polpastrelli.

 

Come puoi vedere, il risultato sulla pelle è molto soft: il gel si fonde con la carnagione ed il colore appare proprio come se fosse quello naturale della pelle.

 

fard in gel sulle guance

 

Come riempire un’intera jar di blush in gel

Il metodo che abbiamo appena visto è finalizzato a creare le quantità di blush in gel necessarie per una singola applicazione. Quando avrai però capito che il blush in gel fa per te, allora potrai anche riempire un’intera jar (vasetto) ed evitare così di ripetere questa operazione ogni volta che vorrai truccarti. Per farlo segui questi semplici passaggi:

♦  Misura la quantità di polvere, mettendo il blush in polvere nella jar che vuoi riempire: in questo modo saprai con esattezza la quantità di partenza di polvere da utilizzare.

♦  Unisci la polvere ad un cucchiaino di gel o al mixing medium: mescola per bene e, se ti sembra che il composto non sia come quello che ottieni di solito, aggiungi altro gel o altra polvere.

Avrai così ottenuto il tuo personalissimo blush in gel! Non dimenticare che puoi anche mescolare polveri di più colori ed ottenere quello che più ti piace!

 

Qualche consiglio in più sul blush in gel:

  • Il blush in gel, una volta applicato, si comporta proprio come una seconda pelle: assicurati quindi di esfoliarla ed idratarla, in modo da non mettere in evidenza eventuali difetti.
  • Evita di applicare il blush in gel sopra una base in polvere (fondotinta compatto, in polvere): il gel asciugherebbe la polvere e si formerebbero delle antiestetiche chiazze di colore sul tuo viso.
  • In alternativa al blush in polvere, puoi “grattare” un po’ del tuo blush compatto, oppure approfittare di un blush che si è rotto, sminuzzarlo ulteriormente e trasformarlo in un blush in gel!

 

 

 

Articoli correlati:

2 Responses to “Blush in gel: come crearne uno ed ottenere un effetto naturale”

  1. Prudence 30 ottobre 2012 at 03:13 #

    *.*
    Questa del gel all’aloe…è una genialata! Lo provo subito! Grazie 😀

    • Maria Carmela
      Maria Carmela 30 ottobre 2012 at 13:39 #

      Fammi sapere! 😀

Leave a Reply