Come scegliere una cipria minerale per la propria pelle?
Scopri l'Ebook

Come scegliere una cipria minerale per la propria pelle?

20 feb

Ho già parlato in un altro articolo riguardo la scelta della cipria minerale, dove ho trattato l’argomento in senso abbastanza ampio e generale. Adesso voglio invece soffermarmi in particolar modo su come si sceglie la cipria minerale in base al proprio tipo di pelle.

cipria minerale trasparente

Sappiamo tutte che esistono diversi tipi di pelle: c’è quella grassa, quella secca e quella mista. La scelta del prodotto giusto si basa moltissimo sul tipo di pelle che si ha: questo, quindi, non vale solo per la scelta del fondotinta, ma per tutti i prodotti in generale, persino per la cipria, che molte ritengono essere adatta esclusivamente alle pelli grasse. Ma andiamo con ordine e vediamo su quale cipria minerale è bene orientarsi in base alla propria pelle e perché.

 

Cipria minerale per pelle grassa

La pelle grassa è quella che tipicamente necessita dell’uso della cipria, dal momento in cui ha bisogno di assorbire il sebo in eccesso. I minerali più adatti ad assorbire il sebo sono sicuramente il caolino e la silica.  Il caolino è un’argilla minerale, che oltre ad asciugare il sebo in eccesso possiede proprietà lenitive che aiutano la guarigione di brufoli e acne. Per quanto riguarda la silica, invece, è davvero ottima nel caso in cui si vogliono coprire pori dilatati molto evidenti. Questo genere di ciprie, specialmente quelle a base di caolino, sono particolarmente indicate per la stagione estiva, quando la pelle tende a sudare e produrre più sebo del normale.

 

Cipria minerale per pelle secca

Ho già trattato questo argomento nell’articolo che vedi linkato nel titolo del paragrafo, ma essendo io dell’opinione che ripetere un concetto non fa mai male, ne riporto qui in breve il contenuto. E’ preferibile che chi soffre di pelle secca scelga una cipria a base di mica, un minerale che non secca la pelle perché non mescolandosi con il sebo naturalmente presente sulla pelle e lasciandolo inalterato, non priva l’epidermide della sua idratazione esterna (già di per sé scarsa). Altra cosa che non ho precisato nell’articolo linkato, ma che mi riservo di sottolineare qui, è che questo genere di ciprie sono anche adatte, oltre che al periodo invernale (quando anche le pelli miste tendono ad asciugarsi un po’) anche al contorno occhi, zona del viso tipicamente delicata e non grassa, e bisognosa di cipria nei casi in cui c’è da fissare il correttore o non far sbavare la matita. Infine un ultimo accenno sull’effetto finale: la mica tende ad avere un finish leggermente satinato (che può essere più o meno evidente in base agli altri ingredienti presenti all’interno della formulazione del prodotto) che non guasta affatto su una pelle secca, anzi contribuisce a renderla più luminosa, caratteristica che spesso manca alle pelli di questo tipo.

 

Cipria minerale per pelle mista

Le pelli miste avrebbero bisogno di una cipria che abbia caratteristiche intermedie: a questo punto le soluzioni potrebbero essere diverse. Ad esempio, si potrebbe applicare una cipria a base di caolino solo sulla zona T (fronte, naso, mento) per tenere a bada il sebo, oppure andare alla ricerca di una cipria che contenga sia caolino che mica (ad esempio la cipria Matte di Neve Cosmetics, Flawless Matte di Lily Lolo) o mica e silica (ad esempio Vamp di Neve Cosmetics o Indissolubile n.01 di PuroBio).

 

 

Articoli correlati:

No comments yet

Leave a Reply