Come riconoscere un bravo make up artist
Scopri l'Ebook

Come riconoscere un bravo make up artist

2 ago

Quando hai bisogno di un trucco particolare, che sia per una cerimonia o un evento importante, la prima cosa a cui si pensa è affidarsi a chi si occupa di make up per mestiere. E’ a questo punto che entrano in gioco i make up artist: sono donne o uomini che hanno frequentato uno o più corsi di trucco e che sanno come valorizzare ogni tipologia di viso.

come riconoscere un buon truccatore

E’ altrettanto vero, però, che come in ogni mestiere esistono quelli più bravi e preparati e quelli un po’ meno. Allora come si fa a capire se quello che ci troviamo di fronte è un valido make up artist o meno? Anzitutto è essenziale non provarne uno solo ma fare esperienza con diversi truccatori per poter fare un confronto e avere un’idea generale. Oltre a questo, però, anche altri aspetti sono importanti per determinare la bravura e la preparazione di un make up artist. Vediamo subito quali.

 

Ordine e pulizia

La prima cosa da osservare attentamente è l’ordine e la pulizia con cui vengono tenuti gli attrezzi da lavoro. Tieni presente che questo aspetto è davvero molto importante: infatti, se i pennelli o le spugnette non sono lavate a dovere o magari i rossetti sono tenuti male, c’è il rischio di beccarsi qualche brutta infezione, che al contrario di quello che si pensa non è un’avvenimento così raro. Se usa delle matite su di te è meglio se vengano temperate, sia perché sono state a contatto con la pelle di altre persone, sia per rimuovere quello strato in superficie dove si può essere accumulata della polvere. E le mani? Il massimo della professionalità si ha quando il truccatore o la truccatrice mostrano alla propria cliente che stanno lavando le loro mani, in modo da rassicurarla.

 

Ti chiede quali stili e colori ti piacciono

E’ bene che ogni make up artist abbia un proprio stile e un proprio modo di lavorare, secondo le tecniche che gli sono state insegnate o ha imparato nel corso della sua esperienza, ma è altrettanto vero che il trucco deve farti sentire a tu agio. Prima ancora di iniziare, quindi, sarebbe l’ideale che ti chiedesse il genere di trucco che desideri ottenere dalla tua seduta, in modo da dargli un’idea sull’intensità del make up piuttosto che sui colori. Dopo aver ascoltato la tua richiesta, il make up artist deve, per correttezza, informarti sull’idea che ha in mente, così da discuterne meglio e, se fosse il caso, trovare un punto d’accordo.

 

Ti informa sul lavoro che sta eseguendo

Ed eccoci al punto saliente, ovvero il trucco. Questa è ovviamente la fase più importante da giudicare, ma anche quella in cui stare più attenta: un bravo make up artist, infatti, mentre ti trucca, ti spiega il lavoro che sta eseguendo e tu puoi benissimo intervenire per fare le tue domande. Ricorda che ti stai rivolgendo ad un professionista, quindi sfrutta la sua presenza anche per togliere quei dubbi che ti assalgono sempre quando sei a casa e ti stai truccando, del tipo: “quale tipo di fondotinta dovrei scegliere?”, “quali sono i colori che mi starebbero meglio?”, “quale sarebbe il mio trucco labbra ideale?” e così via.

 

I prodotti

Altro aspetto importantissimo riguarda i prodotti che vengono utilizzati: per chi conosce un po’ il mondo del make up forse è più facile riconoscere una casa cosmetica piuttosto che un’altra, facendosi di conseguenza un’idea sulla qualità dei prodotti. Ma per chi non se ne intende? E’ qui che entra in gioco la professionalità di un truccatore, che fidandosi dei suoi prodotti dovrebbe informarti, anche in modo generale, su di essi. Altra cosa che potrebbe tornarti molto utile alle potrebbe essere quella di segnare man mano i prodotti che si stanno utilizzando in un’apposita scheda cliente, in modo da poter poi acquistare quello che ti è piaciuto di più.

 

A questo proposito scopri anche l’articolo su come ottenere il massimo dalla tua visita in profumeria.

 

 

 

Articoli correlati:

One Response to “Come riconoscere un bravo make up artist”

  1. Ester 29 marzo 2014 at 08:34 #

    bell’articolo, molto interessante!

Leave a Reply