Giocare con gli ombretti: consigli per principianti!
Scopri l'Ebook

Giocare con gli ombretti: consigli per principianti!

10 ott

Nel make up ci sono tante regole, ma, paradossalmente, nel make up bisogna soprattutto divertirsi ad inventare abbinamenti, giocare con i colori e con le sfumature! Oggi voglio proporti due esempi, estrapolati direttamente da due miei tutorial, dove mi sono divertita a reinventare e sovrapporre diversi tipi e diversi colori di ombretti, in modo da vivacizzare o rendere più particolare il make up.

giocare con gli ombretti

Questo mi permetterà anche di approfondire i passaggi in questione, che magari all’interno dell’articolo, per non dilungarmi troppo, ho cercato di sintetizzare. Ma vediamo subito quali sono i due make up in questione e come si può letteralmente trasformare un trucco semplicemente aggiungendo un ombretto!

 

L’ombretto glitter

Questi due passaggi sono tratti dal tutorial make up elegante con la Elegantissimi di Neve Cosmetics. In questo momento del tutorial avevo già applicato un ombretto beige chiaro sulla palpebra mobile, un ombretto marrone lungo la piega dell’occhio, una riga sfumata di ombretto nero lungo il bordo della palpebra superiore, un ombretto marrone scuro lungo la palpebra inferiore e due punti luce, uno sotto il sopracciglio e l’altro sull’angolo interno dell’occhio.

trucco elegante

Questo make up potrebbe andare benissimo così com’è, ma io ho voluto aggiungere un tocco in più che desse un’aria piuttosto chic al viso. Per farlo ho scelto proprio un ombretto glitterato (Diamanti in polvere di Neve Cosmetics) che ho applicato su tutta la palpebra mobile. Questo ombretto ha la particolarità di contenere piccoli glitter argentati, e non essendo coprente può essere steso su qualsiasi ombretto per dare subito l’effetto glitter senza modificarne di molto il colore originario. Naturalmente è importante applicare l’ombretto glitter con il pennello giusto! Infatti, se si applica con un pennello piatto, la coprenza risulta maggiore e dunque l’ombretto applicato in precedenza risulterà inevitabilmente schiarito. Nel caso di questo tutorial volevo invece dare giusto un tocco brillante al trucco, e per farlo ho preferito utilizzare un pennello morbido da sfumatura che non altera il colore degli ombretti applicati in precedenza.

ombretto chiaro glitter

Questo è ciò che ne risulta: un make up elegante ma al tempo stesso prezioso!

 

Gli ombretti colorati

Questi due passaggi, invece, sono tratti dal make up tutorial facile per san Valentino, dove ho voluto ricreare un trucco che giocasse di proposito con sfumature e contrasti. A questo punto del tutorial avevo già applicato un ombretto chiaro satinato su palpebra superiore ed inferiore, tralasciando l’angolo esterno, un ombretto marrone scuro lungo la piega dell’occhio e l’angolo esterno e per finire l’ombretto nero. Come spiego anche nel tutorial, l’ombretto nero ha una duplice funzione: la prima è quella di creare ulteriori sfumature di colore, perché quando andrai ad applicare altri ombretti di sopra non coprirai tutto l’ombretto nero che c’è sotto, e così potrai ottenere una sfumatura piuttosto naturale senza grandi complicazioni. In secondo luogo, l’ombretto nero applicato sotto (specialmente se utilizzato bagnato) è un’ottima base che ti permette di intensificare l’ombretto che applicherai successivamente.

ombretto nero

In questo caso l’ombretto nero l’ho applicato lungo il bordo superiore, sull’angolo esterno e lungo la piega, lasciando intravedere in parte il marrone scuro. Per finire, ho sovrapposto i due ombretti, quello viola sull’angolo esterno e quello chiaro sull’angolo interno. Quello viola, in particolare, non va a coprire tutto l’ombretto nero steso in precedenza: come spiegavo poc’anzi, questo serve a creare facilmente delle sfumature sull’occhio!

ombretto chiaro e ombretto viola

 

Che te ne pare di queste due tecniche illustrate?

 

 

Articoli correlati:

One Response to “Giocare con gli ombretti: consigli per principianti!”

  1. Federica 10 ottobre 2014 at 07:38 #

    Bellissimi *.*

Leave a Reply