I 4 punti del viso che raccontano la tua età: trattali con creme e make up
Scopri l'Ebook

I 4 punti del viso che raccontano la tua età: trattali con creme e make up

5 feb

creme e make up per sembrare più bella

Il nostro viso ha delle caratteristiche ben specifiche e zone che potremmo definire “critiche”. Superati i 40 anni, infatti, la pelle inizia a perdere tono ed elasticità in certe aree, e in special modo in 4 punti: ecco per ognuno di essi una strategia completa da mettere in atto per contrastare rughe, cedimenti e segni del tempo.

Punto 1: le palpebre

 

Specialmente dopo i 50 anni le ghiandole sebacee, che nella zona del contorno occhi sono già poche, lavorano meno e la pelle si rilassa. Poi, se di tuo hai già la tendenza ad avere la pelle secca, i primi segni puoi avvertirli anche prima. Per attenuare questo inestetismo sono ideali le creme a base di oli vegetali ricchi in acidi grassi omega 3, che rafforzano i tessuti. Poi anche sostanze rassodanti che abbiano un effetto simile al botulino, ma che di certo non sono invasivi come quest’ultimo: sono l’argirelina, gli esapeptidi e i pentapeptidi, che distendono e levigano la zona delle palpebre. Anche il make up può aiutarti: basta utilizzare un correttore leggermente più chiaro e applicare ombretti idratanti e opachi.

Punto 2: gli zigomi

 

Con il procedere dell’età anche gli zigomi accusano il passare del tempo: perdono spessore, diventando così più sottili, non sostenendo più la pelle che si segna di rughe verticali. In questo caso specifico quello che può aiutare a risollevare questa zona del viso sono cosmetici che contengono fitoestrogeni, che aiutano a riattivare la produzione di elastina e collagene negli strati più profondi della pelle. Utili sono anche sostanze idratanti come l’acido ialuronico e l’aloe. Se vuoi sperimentare un make up per gli zigomi  che ti aiuti a risollevarli otticamente, basta scurire la zona sotto l’osso dello zigomo con una terra o un fard e illuminare invece la parte superiore, ovvero le guance, con un fard color pesca e un pizzico di illuminante.

Punto 3: i lati del mento

 

La caduta del mento in corrispondenza degli angoli della bocca è forse il segno che più di tutti tradisce la nostra età. Questo perché spesso si pensa solo a curare le rughe e non a sostenere la pelle che deve combattere ogni giorno contro la forza di gravità. È una situazione dovuta ad un cedimento delle fasce muscolari di quest’area  ed è la parte più difficile da trattare con i cosmetici, perché oltre a scegliere quelli giusti, ricchi in sostanze che aiutino a ritrovare tonicità, come gli acidi grassi essenziali omega 3 e omega 6, bisogna anche effettuare un leggero massaggio che vada dal mento fino all’altezza dell’orecchio, in modo da contrastare la forza di gravità. Per rendere il tutto meno evidente, invece, agisci con il make up: in corrispondenza dei cedimenti, stendi un velo di terra o fard color biscotto lungo tutta la mandibola in modo da mimetizzare il piccolo inestetismo. Allo stesso modo puoi truccare il doppio mento.

Punto 4: il collo

 

La prima causa del rilassamento del collo è senza dubbio il sole: esso infatti contribuisce a deteriorare il collagene e quindi a rendere meno tonica ed elastica la pelle. Per prevenire questo inestetismo devi utilizzare sempre una crema con filtri solari, anche in città. Poi non dimenticare mai di applicare alla sera creme molto idratanti e nutrienti, o addirittura massaggiare direttamente degli oli per il tuo tipo di pelle, tra cui l’olio di jojoba, olio d’oliva, burro di karitè e rosa mosqueta. Ricerca questi stessi ingredienti nelle creme che usi, oltre a preferire quelle a base di acido ialuronico e vitamine. Ricorda di effettuare sempre i movimenti dal basso verso l’alto, per contrastare la forza di gravità. Per attenuare con il make up un collo non più giovane e teso puoi spolverare su questa zona un velo di fondotinta in polvere, meglio se minerale, di un tono appena poco più scuro della tua pelle. Sul decollete, invece, va applicato un po’ di illuminante: il contrasto renderà meno visibile il collo.

 

 

Articoli correlati:

No comments yet

Leave a Reply