l tipi di correttore: cos'è e quale scegliere
Scopri l'Ebook

l tipi di correttore: cos’è e quale scegliere

8 dic

L’importanza dell’ utilizzo del correttore quando si è alle prime armi, solitamente non viene apprezzata. Spesso si pensa, sbagliando, che basti scegliere un buon fondotinta per ottenere un colore della pelle omogeneo e senza imperfezioni. Magari si punta per questo ad un fondotinta troppo coprente, che però come risultato ci fa sembrare la faccia impastata di trucco o dà un effetto per niente naturale.

Il correttore è rivolto a tutte noi che vogliamo, appunto, correggere qualche difetto o imperfezione. Quindi non copriamo tutto il viso per coprire un singolo difetto, ma miriamo a cancellare la singola imperfezione. Come si può facilmente capire, se correggiamo nel particolare la zona che vogliamo coprire, basterà poi una leggera passata di fondotinta ed il risultato sarà molto più naturale!

Esistono davvero tanti tipi di correttore. Sceglili in base alla tua pelle e al risultato che vuoi ottenere.

 

Ecco tutti i tipi di correttore:

Correttore compatto

correttore compatto

Il correttore compatto è un tipo di correttore in polvere compatta,e  si trova di un unico colore, o di tinte diverse nelle gradazioni del beige, e tutte inserite nello stesso astuccio. Naturalmente si possono utilizzare da sole, se hai una lieve imperfezione: prendi un pennellino a setole morbide e piatto e ne prelevi un po’.  Oppure puoi usare tutti i toni a tua disposizione mixandoli con un pennello per trucco più grande, per correggere aree del viso più estese. Miscela le varie gradazioni di colore a poco a poco, finché non otterrai il risultato che attendevi. Questo tipo di correttore si può trovare anche nella versione “colorata”, con i correttori verde, viola e arancio-giallo.

 

Correttore in crema

correttore crema Questa formulazione è quella di sicuro più adatta per chi ha la pelle secca e/o per le pelli mature, che appunto tendono ad essere più “asciutte”. La particolarità del  correttore in crema sta nel fatto che dà una buona coprenza, senza evidenziare eccessivamente rughe e segni d’espressione. Questo proprio grazie alla consistenza di questo tipo di correttore, che permette al prodotto di essere steso come fosse una crema. Per un risultato ottimo tamponare alla fine un po’ di cipria per fissare il tutto (poca, perché ricordiamo che dopo dobbiamo ancora applicare il nostro fondotinta).

 

Correttore in stick

correttore stick

La consistenza del correttore in stick è molto morbida, paragonabile più o meno a quella di un rossetto, data anche la forma che lo ricorda un po’. Garantisce una coprenza delle imperfezioni molto buona. Ideale per cancellare segni di stanchezza, quali occhiaie, ma anche foruncoletti e cicatrici.

 

 

 

Correttore in fluido

correttore fluido

Il correttore fluido è adatto a tutti i tipi di pelle, perché molto leggero e versatile. Si stende con facilità, ma ha una coprenza solitamente abbastanza leggera e naturale. Non consigliato, quindi, a chi deve mimetizzare imperfezioni importanti, ma perfetto per le giovanissime, che non hanno ancora molta dimestichezza con i trucchi, e presentano una pelle senza particolari problemi.

 

Correttore a penna

correttore a penna

Il massimo della praticità è racchiusa in questo piccolo oggetto davvero molto comodo per il trucco super veloce del mattino, o dell’ultimo minuto della sera, prima di uscire. Alla fine della penna, al posto della gomma da cancellare che trovavamo a scuola, c’è una parte mobile, che se girata fa uscire automaticamente prodotto dalla punta, formata da setole. Questi tipi di correttore offrono una buona coprenza.

 

Correttore a matita

correttore matita

Sembra quasi una matita, ma in effetti è un correttore vero e proprio. Ha la particolarità di essere molto preciso, specialmente su piccoli brufoli, capillari spezzati, ecc. è pratico perché lo temperi facilmente e lo puoi tenere in borsetta per i ritocchi.

 

Correttore minerale

correttore minerale caratteristicheE’ uno degli ultimi nati e segue la scia del trucco minerale, tanto in voga (giustamente) in questo ultimo periodo. La coprenza può essere diversa in base alla tipologia che si sceglie. Il classico è quello in polvere che si utilizza con un pennello piatto o direttamente con le dita.

 

 

 

Articoli correlati:

No comments yet

Leave a Reply