INCI: Impara a riconoscere i prodotti di buona qualità dagli ingredienti
Scopri l'Ebook

INCI: Impara a riconoscere i prodotti di buona qualità dagli ingredienti

29 dic

Spesso capita di comprare prodotti in base a quello che vediamo e sentiamo alla pubblicità, perché consigliati da un’amica, oppure perché quello che leggiamo sulla confezione ci piace e ci sembra buono. Ma non è così che si sceglie un prodotto. Quello che ci deve spingere a comprare deve essere ben altro.

ingredienti e prodotti

Allora come facciamo a capire se un prodotto che stiamo usando o che vogliamo acquistare è veramente buono?

          Non fermarsi alle apparenze: è bene non scegliere solo in base a quello che viene scritto sulla parte frontale del prodotto. Quella è la parte meno veritiera che tu possa vedere, perché è stata creata apposta da chi produce il prodotto, per venderlo. Tutto è utile: i colori, le promesse, gli slogan. Sono tutti studiati ad arte per imbambolarti. Prima di spendere soldi, quindi, fai attenzione a quello che stai comprando. Non sbagliare è semplice: basta girare la confezione e andare alla ricerca degli ingredienti.

          Leggere sempre gli ingredienti: la lista degli ingredienti, detta anche INCI, è l’unica arma che abbiamo a nostra disposizione, che ci permette di verificare realmente se le promesse che ci vengono fatte da quel prodotto, possono veramente essere  mantenute. La regola generale che devi sempre tenere in mente, è che gli ingredienti che leggi vanno in ordine decrescente, quindi dalla sostanza che è presente in maggiore quantità, a quella presente in minore quantità.

Sono essenzialmente due i modi per capire dalla lista di ingredienti, ovvero dall’ INCI, se il prodotto vale i soldi che stiamo per spendere:

♦          Riconoscere le sostanze attive, ma anche quelle dannose: questa è una cosa che,se non sai ancora fare, devi imparare a farla pian piano. Infatti, la lista delle sostanze attive e quindi buone, e di quelle dannose, che puoi trovare nei cosmetici è veramente lunga. Esiste però un sito dove puoi trovare tutte le informazioni che cerchi, che si chiama “biodizionario”: qui scopri se le tue creme o i tuoi cosmetici hanno o meno un buon INCI, e se contengono sostanze che possono far male alla tua pelle. Si, proprio così, perché chi formula i prodotti, soprattutto quelli che troviamo a basso prezzo nei supermercati o negozi di cosmetici di scarso livello, per risparmiare, fa uso di sostanze che non solo non fanno bene alla nostra pelle, ma la danneggiano.

          Posizionamento: impara anche a saper distinguere quanto un ingrediente possa farti male in base alla posizione. Se infatti un ingrediente è classificato come poco buono e lo trovi in fondo all’ INCI, puoi stare relativamente sicura, perché vuol dire che di quella sostanza c’è n’è davvero pochissimo. Se invece un ingrediente classificato come poco buono o addirittura pessimo, lo ritrovi ai primi posti, non devi assolutamente acquistare il prodotto, perché vuol dire che le quantità posso essere tali da danneggiare la tua pelle, anziché renderla più bella.

Il discorso del posizionamento all’interno dell’ INCI vale più di tutti quando parliamo di sostanze naturali. Il business vuole che oggi molti cosmetici inizino ad usare tra i loro ingredienti principi attivi di origine naturale: più per denaro che per vera convinzione che il naturale sia migliore. Da cosa si capisce?

Si capisce dal fatto che per abbindolare la gente a comprare, le confezioni riportano frasi come “agli estratti naturali di eucalipto”, “con olio di jojoba”, e così via.

Ma in che quantità questi principi attivi naturali sono presenti nell’ INCI della crema o rossetto che stiamo acquistando? Bene: diciamo che soprattutto se il prodotto costa poco, le quantità saranno minime. E questo lo puoi vedere sempre girando la confezione e leggendo gli ingredienti. Le piante sono indicate con i nomi in latino scritti in corsivo: quindi, se non sai come si chiama la pianta in latino, puoi sempre far riferimento alle parole scritte in corsivo, che spesso richiamano il nome della pianta in italiano.

 

 

Articoli correlati:

3 Responses to “INCI: Impara a riconoscere i prodotti di buona qualità dagli ingredienti”

  1. Angela 30 dicembre 2011 at 08:18 #

    Io ormai ho l’incubo della paraffina nelle creme idratanti!

  2. Emanuela 17 gennaio 2014 at 16:07 #

    Bellissimo il biodizionario! gRazie di averlo suggerito! 😀

  3. Chiara* 4 giugno 2015 at 17:29 #

    Ciao! vorrei sapere cosa ne pensi dei prodotti tanto pubblicizzati della Nivea (intendo in particolare latte detergente, tonico e crema idratante)..siccome ho controllato l’inci e a quanto pare molti ingredienti risulterebbero dannosi per la pelle..grazie!

Leave a Reply