La mia hair routine del momento
Scopri l'Ebook

La mia hair routine del momento

23 gen

Ultimamente devo dire che ho cambiato radicalmente il mio modo di lavare i capelli: infatti oltre ad avere introdotto il famoso cowash nella mia hair routine, ho anche cambiato modo di fare lo shampoo, ovvero lo utilizzo sempre diluito, dato che si tratta di shampoo eco bio (sapevi che bisogna diluirli?).

hair routine il mio make up

Credo che l’utilizzo del cowash, dello shampoo diluito e di altri prodotti che sto utilizzando al momento stiano veramente migliorando non solo i capelli ma anche la salute della cute (non dimenticare che parte tutto da qui: se la cute sta bene i capelli ne gioveranno tantissimo!). Il miglioramento si manifesta soprattutto con il fatto che i capelli rimangono puliti più a lungo, il che automaticamente mi evita di stressarli con spazzola e phon troppo spesso. Ma andiamo più nello specifico su come e ogni quanto lavo i miei capelli, nella speranza di essere d’aiuto a chi, come me, ha difficoltà a gestire i propri capelli.

 

Come sono i miei capelli

Prima di tutto è necessario che ti racconti un po’ dei miei capelli: sono sottilissimi, lisci e tendono molto ad ingrassarsi sulle radici. Per intenderci, il giorno successivo allo shampoo sono già da legare. Di buono hanno la crescita, devo ammettere piuttosto rapida, così da non farmi pentire troppo a lungo quando decido di dare un taglio più deciso per eliminare tutte le doppie punte. Di contro, però, devo cercare di tenere a bada la lunghezza, perché più crescono e più si fanno pesanti e piatti, motivo per il quale fino a poco tempo fa mi fiondavo su tutti i prodotti per capelli che riportassero la dicitura “volumizzante”. In una settimana mi è capitato di lavare i capelli fino a 4 volte!

 

Com’è cambiata la mia hair routine

Curiosando nel mondo bio mi sono ritrovata ad utilizzare prodotti completamente diversi da quelli ai quali ero abituata, così anche la mia hair routine è stata completamente stravolta. Ecco come si svolge:

  • lavo i capelli 2 volte a settimana (in casi eccezionali 3)
  • alterno uno shampoo ad un cowash. Faccio così per due motivi: prima di tutto perché mi sono innamorata del cowash e di come lascia i capelli, e poi perché ho notato che alternare un “lavaggio idratante” (cowash) ad uno classico (o quasi) dia veramente ottimi risultati. Dico quasi perché ho imparato a diluire lo shampoo (praticamente d’obbligo farlo con quelli eco bio, molto concentrati): prima mettendo semplicemente ad occhio una noce di prodotto con 3/4 dita d’acqua in un bicchiere e dopo diluendolo in modo più “professionale” con lo spargishampoo. Quando faccio lo shampoo diluito (al momento utilizzo Etra Vergine de La Saponaria), prima faccio una maschera. Una volta utilizzo Panna e Fragola di Alkemilla e la alterno alla Maschera Detox per il cuoio capelluto di Cattier. Quando faccio il cowash, invece, non metto nessuna maschera: questo perché i delicati tensioattivi del balsamo non riuscirebbero ad eliminarne perfettamente i residui. Se vuoi saperne di più sul cowash ti consiglio di leggere l’articolo “Cowash per i capelli: tutto quello che devi sapere” che ho completamente dedicato a questo bizzarro metodo per lavare i capelli!
  • Risciacquo le lunghezze con acqua fredda: specialmente nel periodo freddo ci si lascia prendere dal tepore del bagno o della doccia e si tende a lavare i capelli con acqua troppo calda. Ultimamente ho imparato a dare l’ultimo risciacquo con acqua fredda. Per non patire il freddo direziono l’acqua solo sulle lunghezze e poi strizzo bene: in questo modo sigillo le cuticole, che rimangono ben chiuse, ed i capelli saranno meno crespi e più lucidi. Il massimo poi, sarebbe aggiungere all’ultimo risciacquo mezzo bicchiere di aceto di mele, per fare il cosiddetto “risciacquo acido”, che lucida i capelli a meraviglia!

I risultati? Non è moltissimo che utilizzo questa routine, ma i primi miglioramenti inizio a vederli! Come dicevo prima ho allungato i tempi tra uno shampoo e l’altro, i capelli sono più luminosi ed il cuoi capelluto non prude più! Ma non è finita…! Negli ultimi giorni un oggetto (regalo molto apprezzato da parte di una persona speciale) è entrato a far parte della mia hair routine. Non si tratta di uno shampoo, di un siero o di un balsamo..bensì di una spazzola!

tangle teezer

Si tratta della famosa Tangle Teezer! Ti saprò dire meglio prossimamente, ma devo ammettere che mi piace già moltissimo! Tu ne hai sentito parlare?

 

Articoli correlati:

3 Responses to “La mia hair routine del momento”

  1. tina 25 gennaio 2017 at 19:10 #

    Ho il tuo stesso problema..li lavo la sera ed il giorno dopo sono gia grassi alle radici..adesso come se non fosse abbastanza, il mio cuoio ha iniziato ad avere un odore abbastanza sgradevole..sono andata in farmacia e mi hanno consigliato lo shampoo Organics Pharm Sebo control shampoo..e bio ed ha anche un boun inci..costa 17e..l’ho usato solo stasera quindi non saprei dirti come’e..per adesso mi ha lasciato i capelli molto puliti.

    • Maria Carmela
      Maria Carmela 26 gennaio 2017 at 11:03 #

      Bene, fammi sapere come ti trovi con le prossime applicazioni. L’odore sgradevole solitamente è dovuto dalla presenza di batteri: ti consiglio di aggiungere 1-2 gocce di olio essenziale di tea tree allo shampoo :)

  2. Dany 30 gennaio 2017 at 15:27 #

    Io ho il problema opposto al tuo: capelli ricci, secchissimi e crescita lenta. Ormai da due anni ho abolito siliconi e tensioattivi aggressivi, orientandomi sui prodotti ecobio ed in particolare la linea Omia con cui mi trovo benissimo.
    Anche i miei capelli sono molto sottili, facili ai nodi ed a spezzarsi: farli crescere in queste condizioni è quasi impossibile. Ebbene, uso la Tangle teezer da circa un anno e …. “mai più senza!”. Districa abbastanza delicatamente, trovo meno capelli spezzati e finalmente sono riuscita a farli crescere.

Leave a Reply