Preparare la pelle alla primavera: sfatiamo alcuni miti!
Scopri l'Ebook

Preparare la pelle alla primavera: sfatiamo alcuni miti!

15 mar

Questo è il momento dell’anno nel quale mi capita di leggere diversi articoli e consigli su come preparare la pelle alla primavera. I consigli che più spesso vengono riportati sono quelli che riguardano profonde esfoliazioni, peeling e quantità industriali di creme idratanti e nutrienti. Ma è davvero necessario tutto questo?

 

Cosa cambia

In inverno la pelle tende ad apparire più spenta e arida del normale a causa dell’aria secca e della scarsa umidità. Con l’arrivo della primavera le condizioni climatiche si modificano e con esse anche la pelle subisce dei cambiamenti: si affacciano i primi raggi di sole, si esce di più e si passa più tempo all’aria aperta. Come sempre, il nostro corpo pensa a tutto, e per questo di anno in anno la pelle mette in atto particolari meccanismi che fanno in modo di adattarla perfettamente a questi cambiamenti. Ma la natura, ahimè, non ha previsto che stare all’aria aperta avrebbe comportato anche trovarsi a contatto con smog e raggi solari ormai pericolosi. Per questo credo che preparare la pelle alla primavera non significhi soltanto esfoliare e nutrire la pelle, ma piuttosto seguire delle piccole regole per arrivare all’estate con un pelle fresca, morbida e idratata, insomma bella anche al naturale.

 

Cosa fare quindi?

Dopo aver analizzato attentamente questi fattori, possiamo finalmente capire quali sono gli accorgimenti utili che si possono prendere per evitare di trascurare la pelle questa primavera, arrivando all’estate in piena forma.

♦  Le giuste creme: non mi stancherò mai di dirlo. Chi mi segue sa già che ho abbandonato ormai definitivamente le creme “classiche” a favore di quelle ecobio: le utilizzo non per moda, ma perché credo veramente che siano di gran lunga migliori di qualsiasi crema che si trova in farmacia o in profumeria. Partire dall’utilizzo dei giusti prodotti è già un grande passo avanti!

♦  Esfoliare: esfoliare la pelle si..ma con gentilezza! Trattamenti troppo aggressivi, soprattutto su pelli chiare o sensibili, non vanno mai bene. In questi ultimi casi sconsiglio addirittura di usare il classico scrub (quello con i mocrogranuli per intenderci): meglio preferire i gommage, molto più delicati. Se vuoi sapere la differenza consulta pure l’articolo su come esfoliare la pelle. Se non si hanno particolari problemi di pelle matura, inspessita o acne è meglio evitare di sottoporsi persino a peeling troppo invasivi.

♦  Nutrire: è necessario idratare e nutrire la pelle in qualsiasi caso, anche quando è grassa. L’importante è utilizzare le formulazioni giuste: se il tuo problema è l’eccessiva produzione di sebo, allora scegli creme leggere oppure, meglio, formulazioni in gel, che si assorbono rapidamente ed evitano di renderti il viso oleoso dopo qualche ora.

♦  Proteggere: ultimo consiglio, ma probabilmente il più importante. Come dicevo prima, smog e raggi solari sono ormai diventati i nemici numero uno della pelle. Per quanto riguarda la protezione dai raggi UV, consiglio di utilizzare creme o fondotinta che abbiano un fattore di protezione: ad esempio non tutti sanno che i fondotinta minerali possiedono già un loro fattore di protezione, grazie alla presenza di biossido di titanio che determina un spf 15, sufficiente per la vita in città. E a proposito di vita in città è necessario fare i conti anche con lo smog: ultimamente sono nate le creme cosiddette “anti-smog” che creano un film protettivo sulla pelle tramite sostanze sintetiche. Ma se vuoi evitarle, anche in questo caso il trucco minerale può venirti in aiuto, dato che le particelle minerali fungono da schermo per la pelle anche contro lo smog!

 

 

Articoli correlati:

One Response to “Preparare la pelle alla primavera: sfatiamo alcuni miti!”

  1. Emanuela 16 marzo 2013 at 16:00 #

    questo post mi è piaciuto molto… anche io uso creme ecobio e fondotinta minerali, per proteggermi dal sole e dallo smog!

Leave a Reply