Protezione solare: pelle al sicuro? Segui questi consigli
Scopri l'Ebook

Protezione solare: pelle al sicuro? Segui questi consigli!

22 lug

La protezione solare è la prima cosa a cui devi pensare quando hai intenzione di esporti al sole. Ti garantisce uno schermo protettivo importante nei confronti delle radiazioni ultraviolette dannose per la tua pelle. Ecco quali sono i consigli da tenere sempre a mente quando hai intenzione di esporti al sole.

consigli sull'utilizzo della protezione solare

 

L’applicazione della protezione solare

Il momento dell’applicazione della protezione solare è fondamentale. Le regole principali sono essenzialmente queste.

♦  Mai dopo esserti vestita: è sicuramente da evitare mettere la protezione solare dopo esserti vestita. E’ vero che non è  necessario proteggere le zone coperte dai vestiti, ma è pur vero che, spesso, per evitare di sporcarli ci si limita a passarci vicino con la crema, con il risultato di non coprire tutta la superficie della pelle e prendere comunque delle belle scottature, che per di più lasciano sull’epidermide antiestetiche strisce.

♦  Sempre 20 minuti prima di esporti: il modo migliore per essere sicure di proteggersi è quindi quello di stendere la protezione solare prima di vestirti ma soprattutto almeno 20 minuti prima di esporti al sole. Solo dopo questo periodo di tempo, infatti, la protezione solare si attiva contro i raggi UV e ti garantisce la protezione adeguata. Quindi abbandona l’abitudine di applicare la protezione solare appena arrivata in spiaggia: rischieresti comunque di ustionarti.

♦  Evita il contorno occhi: la protezione solare è solitamente un prodotto molto consistente che finendo a contatto con gli occhi rischia di irritarli con conseguente lacrimazione. In questi casi è sempre bene munirsi di prodotti specifici per il contorno occhi che solitamente trovi sotto forma di stick e che non permettono bruciori o irritazioni dovuti alla sudorazione o all’acqua che trasporta il prodotto all’interno degli occhi.

♦  Non dimenticare labbra e capelli: spesso quando ti capita di essere sotto il sole corri a protegger la pelle senza considerare affatto che anche le labbra e i capelli hanno bisogno di essere schermati. Quando acquisti la protezione solare per la tua pelle pensa a fare scorta anche di stick per labbra e spray o lozioni per capellida applicare anch’essi almeno 20 minuti prima dell’esposizione al sole.

 

Il caso degli integratori alimentari per la protezione solare

Assumere degli integratori alimentari a base di licopene, derivato direttamente dal pomodoro, o di beta-carotene, proveniente dalla carota, può sicuramente aiutarti ad avere una bella abbronzatura ambrata e duratura. Ma se per chi è già leggermente abbronzata o ha di base una pelle media o scura questo può essere considerato un optional, diventa quasi un obbligo per chi ha la pelle molto chiara. Gli integratori, infatti, assunti regolarmente almeno un mese prima dall’esposizione continuata al sole, riducono drasticamente la possibilità di far comparire sulla pelle scottature ed eritemi solari.

 

Protezione solare chimica e fisica

Forse non tutti ne sono a conoscenza, ma ci sono due diversi modi per proteggere la pelle dal sole.

♦  Il primo consiste nell’avere sulla pelle una protezione solare chimica: in questi casi la formulazione del prodotto contiene al suo interno dei particolari ingredienti che assorbono le radiazioni solari dannose ancora prima che esse arrivino alla pelle. I prodotti più all’avanguardia permettono di avere una protezione solare totale sia verso i raggi UVA sia verso quelli UVB.

♦  Gli schermi fisici, invece, funzionano in modo diverso. Contengono sostanze che fanno da scudo nei confronti dei raggi solari, che arrivando sulla pelle vengono riflessi, “rimbalzando” verso l’esterno. L’ossido di zinco e il biossido di titanio (stesse sostanze che se ricordi si trovano anche all’interno dei cosmetici per il trucco minerale) sono due sostanze che danno una protezione solare fisica. Per intenderci, sono quelli che formano quello strato biancastro quando ti spalmi la crema.

In commercio trovi molti prodotti che hanno ormai filtri chimici e schermi fisici associati per ottenere il massimo dell’efficacia. In generale, tuttavia, è sempre meglio preferire schermi fisici se sei di un fototipo molto chiaro o hai la pelle delicata e soggetta a scatenare reazioni allergiche. Altrimenti va bene anche una protezione solare con filtro chimico, sicuramente più facile da stendere.

 

Make up con SPF e protezione solare

Spesso si pensa che perché si indossa una crema da giorno protettiva, un fondotinta solare o una terra abbronzante con SPF non ci sia la necessità di utilizzare una protezione solare. Questo è un concetto del tutto errato. Quando hai intenzione di esporti al sole, infatti, è sempre necessario mettere sotto al trucco una protezione solare adeguata, oltre che utilizzare successivamente un make up dall’azione protettiva. Il trucco da solo, infatti, è davvero insufficiente per schermare la pelle durante un’esposizione prolungata al sole. Va bene, magari, solo per camminare in città quando il sole non è troppo forte.

 

Assicurarsi che la protezione solare non sia scaduta

E’ un classico della protezione solare e si ripete praticamente tutti gli anni. Si acquista il prodotto e poi, una volta terminata la stagione estiva si mette da parte. Ma guai ad utilizzare di nuovo lo stesso prodotto. Per prima cosa perché essendo stato a contatto con sabbia, calore e germi ha potuto sviluppare al suo interno batteri nocivi per la tua pelle. In secondo luogo devi sapere che i filtri solari perdono nel tempo la loro potenza: per questo motivo puoi rischiare di scottarti pur utilizzando una protezione solare apparentemente alta. Quindi, anche se il prodotto è ancora valido da un punto di vista della scadenza, faresti meglio a gettarlo via. E ricorda sempre di consumare tutta la tua protezione solare dopo l’estate, riciclandola come normale crema per il corpo.

 

A proposito di scadenze che riguardano i prodotti cosmetici leggi l’articolo sull’etichetta dei prodotti cosmetici.

 

 

Articoli correlati:

No comments yet

Leave a Reply