Tensioattivi naturali: quali sono e perché preferirli
Scopri l'Ebook

Tensioattivi naturali: quali sono e perché preferirli

29 nov

I tensioattivi naturali rappresentano una vera svolta per quanto riguarda la detergenza: solo da qualche tempo a questa parte si sta cercando di porre l’attenzione su questo tema, in contemporanea col fatto che sono sempre più in aumento i casi di irritazioni cutanee, pelli ipersensibili ed altri simili “disagi” accusati da un numero crescente di persone.

perché scegliere i tensioattivi naturali

I principali indagati, insieme ad altri ingredienti di origine chimica, sono senza dubbio i tensioattivi.

 

Cosa sono i tensioattivi

I tensioattivi sono quelle sostanze che aggiunte all’interno di una formulazione permettono di “sciogliere” lo sporco dalla pelle ed eliminarlo con l’acqua. Lo sporco è però una sostanza “grassa” e come sappiamo grasso e acqua non vanno molto d’accordo, nel senso che non si mescolano tra loro (se in un pentolino con dell’acqua metti qualche goccia di olio, acqua e olio rimarranno separati). Come fare allora? E’ proprio qui che intervengono i tensioattivi, che funzionano grazie alla loro particolare composizione. I tensioattivi hanno infatti una parte che si lega al grasso (sporco) ed una che si lega all’acqua: è proprio in questo modo che lo sporco può essere eliminato e portato via dall’acqua.

 

I tensioattivi chimici più diffusi

Le più attente alla scelta dei prodotti si saranno sicuramente accorte che i tensioattivi più utilizzati in assoluto sono SLES, ovvero Sodium Laureth Sulfate (o Sodium Lauryl Ether Sulfate) eSLSSodium Lauryl Sulfate. Sono nomi un po’ difficili da ricordare, soprattutto per chi non ha grande dimestichezza con questi nomi, ma non è difficile memorizzarli per un semplice motivo. Questi tensioattivi sono presenti nel 99% degli shampoo, bagnoschiuma e cosmetici simili presenti nella grande distribuzione e occupano una posizione privilegiatissima, visto che sono riportati subito dopo l’acqua. Questo vuol dire due cose: la prima che sono presenti in quantità elevatissime (dato che sono in cima all’INCI) e secondo che a furia di leggere INCI si fa presto a ricordarseli! Sono entrambi tensioattivi molto aggressivi, specialmente se contenuti in quelle quantità. Una nota particolare la merita il Sodium Lauryl Sulfate o SLS: se lo si ricerca nel famoso Biodizionario, si può notare che è indicato con un bollino verde, ma solo perchè biodegradabile! Il Biodizionario, infatti, è un database che tiene conto di moltissimi fattori, biodegradabilità inclusa. Non farti ingannare però: il tensioattivo SLS è decisamente aggressivo e per questo andrebbe evitato. Il tensioattivo SLES è invece segnalato con un pallino giallo, dal momento che è etossilato (ovvero trattato con petrolio): in questo secondo caso sarebbe parò più semplice fare una scelta, anche non sapendo che il tensioattivo sia aggressivo, dato che un bollino giallo a inizio INCI non è davvero accettabile ed equivale praticamente ad un bollino rosso(almeno per me)!

 

Quali sono i tensioattivi naturali?

Mentre i tensioattivi chimici sono per lo più aggressivi e rovinano il mantello idrolipidico della pelle, che è quello che ci protegge dai batteri ed in generale dall’ambiente esterno, i tensioattivi naturali rispettano la pelle ed il suo pH, eliminando lo sporco altrettanto bene ma senza causare danni. Ad esempio, i tensioattivi naturali più delicati sono:

♦  Coco Glucosyde e simili (ad esempio Caprylyl/Capryl Glucoside, Cetearyl Glucoside, Coco Polyglucose e così via)

♦  Cetearyl Poliglucose,

♦  Lauryl Glucoside,

♦  Ammonyum Lauryl Sulfate,

♦  Sodium Lauroyl Glutammate

♦  diversi composti con il potassio, come Potassium Cocoate, Potassium Laurate, Potassium Myristate e Potassium oleate.

 

 

Articoli correlati:

8 Responses to “Tensioattivi naturali: quali sono e perché preferirli”

  1. dany 29 novembre 2013 at 09:12 #

    Molto interessante!!!

  2. Roberta 29 gennaio 2014 at 23:26 #

    ciao M. Carmela, grazie x i tuoi articoli così utili e chiari! vorrei sapere se puoi indicare prodotti presenti in commercio efficaci e sicuri, contenenti solo tensioattivi naturali. grazie!

    • Maria Carmela
      Maria Carmela 30 gennaio 2014 at 15:28 #

      Io quando voglio andare sul sicuro scelgo i prodotti che trovo al supermercato bio, su ecommerce di fiducia, come ecco-verde.it, Fitocose o La Saponaria :)

  3. olga 6 marzo 2014 at 09:51 #

    Commento da chimica, insegnante di chimica e cosmetologia e chimico libero professionista: Anche i tensioattivi naturali sono prodotti chimici, perche` confondiamo chimico con artificiale? tutto e` chimico: l`acqua che beviamo, i cibi che mangiamo, i vestiti che portiamo i farmaci che prendiamo, i cosmetici che usiamo! Impariamo a distinguere tra prodotti naturali e sintetici perche` la chimicva c`entra sempre! Parla una persona che usa l`aceto e bicarbonato invece che il lisoform, che si fa deodorante, sapone, latte detergente, tonico, cipria e creme varie da sola.
    Cmq complimenti per il sitodavvero completo e utlissimo soprattutto per la scuola di estetiste.

    • Maria Carmela
      Maria Carmela 6 marzo 2014 at 16:13 #

      Anzitutto mi fa un enorme piacere avere tra le lettrice persone come te! 😀 Hai ragione, ma il mio intento era utilizzare il termine “chimico” come sinonimo di “sintetico”, anche se mi rendo conto sia un errore. A volte mi trovo ad eseguire delle semplificazioni che purtroppo portano anche a delle imprecisioni come questa. Grazie comunque per il tuo intervento assolutamente costruttivo.

      Grazie mille e a presto :)

  4. Stella 28 luglio 2014 at 20:01 #

    Ho scoperto ora il tuo sito,ed e’ davvero molto interessante.Vorrei sapere se c sono tensioattivi naturali facili da trovare per fare il sapone x i piatti in casa(e’ l’unico detergente che ancora non mi soddisfa,avendo provato diverse formulazioni self made)grazie a presto

    • Stefano Torricelli 20 agosto 2015 at 15:14 #

      Io sono un incaricato Amway e ovviamente utilizzo e diffondo tali prodotti, completamente naturali, biodegradabili e dermatologicamente testati, come ci dice l’azienda. Volevo sapere se la conoscete, cosa ne pensate, dopo esservi informati etc. . .e se siete interessati eventualmente, potete contattarmi.

      • Amberle 18 dicembre 2015 at 09:01 #

        Ciao Stefano,
        io conosco Amway perchè anche una mia amica li vende. Quando le ho chiesto gli INCI siamo andate a vedere sul sito italiano, ma non ci sono. per poterli visionare abbiamo usato il sito americano o le confezioni esterne dei prodotti che mi voleva vendere (e anche qua abbiamo trovato la lista solo dentro, non è visibile dall’esterno).
        Posso dirti che non è vero che tutti sono naturali e biodegradabili (detergenti, creme e tanti altri prodotti per la cosmesi sono pieni di siliconi). Sul dermatologicamente testato non metto bocca: anche il silicone pure lo è!
        La linea per la casa quella biologica è buona a livello di INCI, ma non la vendete per favore come igienizzante: al suo interno non ha nulla che disinfetti, ma solo detergenti.
        detto questo… molto buoni sono alcuni integratori

Leave a Reply