Tipi di unghie: ad ognuna la giusta cura
Scopri l'Ebook

Tipi di unghie: ad ognuna la giusta cura

4 apr

Così come ci sono diversi tipi di pelle e capelli, esistono anche diversi tipi di unghie. Le nostre unghie sono continuamente soggette ad urti, sopportano detergenti aggressivi, acqua e così via e paradossalmente spesso le curiamo molto meno rispetto alla pelle del viso o ai capelli. Per prenderti cura delle unghie occorre sapere esattamente quali sono i problemi principali e quindi a qale tipologia appartengono.

tipologie di unghie

 

Secche

La caratteristica principale delle unghie secche è che tendono facilmente a sfaldarsi e dividersi. Inoltre fattori come l’età, il freddo e i prodotti aggressivi possono peggiorare moltissimo la situazione.

Cosa fare: non farti mai mancare un olio per le cuticole. Applicalo alla sera sulle cuticole e massaggialo anche sul resto dell’unghia. Inoltre, quando scegli una crema mani, preferisci sempre quelle che contengono ingredienti utili anche alla salute delle unghie: puoi riconoscere facilmente questi prodotti perché è riportato sulla confezione che il prodotto è specifico anche per le unghie.

Consiglio: se hai le unghie secche è meglio evitare di utilizzare solventi per unghie che contengono acetone, che ha un alto potere disidratante. Meglio cercarne uno che ne sia privo.

 

Grasse

Questo tipo di unghie sono generalmente molto elastiche ma anche troppo morbide: così capita che  vengano continuamente sottoposte a continue pressioni, fino a che si spezzano. Inoltre tengono molto più difficilmente lo smalto, un po’ come la pelle grassa fatica a tenere il fondotinta, facendolo scivolare via dopo un po’.

Cosa fare: utilizza prodotti indurenti che limitano le pressioni, in modo da ridurre quanto più possibile la rottura. Per eliminare il problema dello smalto che va via subito, prima di applicarlo passa sulle unghie un po’ di solvente per eliminare ogni residuo.

Consiglio: evita di tenere a mollo le dita per non ammorbidire ulteriormente le unghie e, quando possibile, utilizza dei guanti per mantenerle quanto più asciutte possibile.

 

Fragili

Le unghie fragili si riconoscono perché una volta aver raggiunto una certa lunghezza tendono sempre a scheggiarsi e quindi rompersi. Di conseguenza è quasi impossibile tenerle lunghe.

Cosa fare: utilissimo è idratarle con i prodotti giusti. Come nel caso delle unghie secche è bene quindi utilizzare olio per cuticole e creme mani e unghie. Inoltre, anche in questo caso va benissimo rivolgersi a smalti indurenti per evitare che l’unghia si danneggi prima di crescere.

Consiglio: quando scegli lo smalto, orientati su quelli privi di formaldeide. Oltre ad essere una sostanza pericolosa per la salute rende le unghie ancora più fragili.

 

Normali

Questo tipo di unghia non presenta particolari problemi: ha una crescita regolare e difficilmente si spezza. Anche in questo caso, però, è necessario curarle per evitare spiacevoli sorprese.

Cosa fare: basta una crema per le mani massaggiata una volta al giorno ed una maschera con olio d’oliva e limone una volta a settimana per idratarle e nutrirle più a fondo.

Consiglio: quando noti che le tue unghie hanno bisogno di attenzioni particolari, basta sostituire l’olio d’oliva con quello di ricino e applicarlo per almeno 5 giorni consecutivi.

 

 

Articoli correlati:

7 Responses to “Tipi di unghie: ad ognuna la giusta cura”

  1. Silvia 4 aprile 2013 at 19:16 #

    Ciao! io mi riscontro un po’ in tutte le tipologie “problematiche” che hai descritto.. nel senso le unghie appena mi crescono si rompono a metà (ma non la parte bianca cresciuta, ma quella ancora attaccata alla carne) ma solo in alcune dita delle mani.. difficilmente lo smalto mi dura perfetto per almeno 3 giorni e come esercito un po’ di pressione sulle unghie queste sono molliccie e si sfaldano.. cosa posso fare? :(

    • Maria Carmela
      Maria Carmela 10 aprile 2013 at 16:34 #

      Ti consiglio di consultare un dermatologo o un nutrizionista: spesso una situazione del genere può nascondere piccole carenze..meglio stare tranquille :)

  2. emily 12 aprile 2013 at 17:59 #

    molto interessante,mi servirà x sabato sera.
    bellissimooo <3 :)

  3. Isabel 16 maggio 2014 at 11:03 #

    Ho l’unghia molto grassa, e sono parrucchiera…ho sempre le mani nell’acqua..mi daresti qualche consiglio per ridurre il sebo sull’unghia?

    • Michelle 17 luglio 2014 at 14:49 #

      Ciao Isabel, solitamente per “sgrassare” l’unghia viene utilizzato il buffer che è un mattoncino da strofinare sulla superficie dell’unghia per renderla opaca e solitamente fa durare di più lo smalto. Se hai le unghie morbide, che si spezzano ti consiglio impacchi con succo di limone e olio EVO o soltanto uno dei due; e sempre se hai quest’ultimo problema puoi provare uno smalto indurente o comunque rinforzante.
      io ho le unghie normali, belle solide e non si spezzano, ma c’è stato un periodo che le avevo grasse, e ora sono bellissime.
      Baci, Michelle.

  4. Elisa 6 novembre 2015 at 13:39 #

    Ciao,io ho le unghie problematiche: ho fatto la ricostruzione x 4 anni perché si sfaldavano, ho smesso da 3 anni e le unghie sono fragili, molli e sottili. Provato di tutto dai rinforzanti, al naturale come EVO,limone e olio d’argan e niente.Solo con il silicio erano cresciute lunghe come quando avevo il gel, ma sempre sottili e deboli. Qualcuna di voi sa se c’è un modo x farle crescere di spessore? Grazie.

    • Giulia 13 novembre 2015 at 10:16 #

      Elisa, avevo il tuo stesso problema, ti consiglierei di strofinare sopra le unghie una volta al giorno uno spicchio di aglio.. dopo una settimana sono durissime .. provato!

Leave a Reply