Mento a punta: i rimedi e il trucco che riequilibra il viso
Scopri l'Ebook

Mento a punta: i rimedi e il trucco che riequilibra il viso

13 feb

Un viso che ha tra i suoi tratti distintivi un mento a punta, piuttosto pronunciato, risulta spesso duro e marcato. Ma un trucco ben studiato e leggero può risolvere la sproporzione e riequilibrare i lineamenti, per fare acquistare al viso un’aria più dolce. Il mento a punta è inoltre uno dei tratti distintivi del viso triangolare: se vuoi saperne di più consulta l’articolo sul trucco per il viso triangolare, troverai numerosi rimedi su come rendere più simpatico e frizzante il tuo viso.

 

 

Quando devi apportare delle correzioni ad un mento a punta, fai attenzione a porre rimedio in queste tre zone.

♦  Zigomo: un mento a punta e stretto rende più evidenti e mercati anche gli zigomi. In questo caso quello che devi fare è smussarli leggermente aiutandoti con un fard beige-rosato. La linea andrà dunque sfilata poi verso le tempie, in modo da dare dolcezza ai tratti.

♦  Mascelle: rispetto a zigomi piuttosto pronunciati, le mascelle risultano poco evidenti. Così la il mento a punta risulta evidenziata. Correggerle significa ampliare otticamente la parte inferiore del viso, con l’utilizzo della tecnica del chiaro scuro, altrimenti detto contouring.

♦  Punta del mento: il trucco deve puntare ad addolcire l’angolo eccessivo che forma il mento a punta. Ciò che va ridimensionata, quindi, è anche la distanza che va dal labbro inferiore fino alla punta del mento. Questa distanza, inoltre, non fa altro che mettere in secondo piano il sorriso.

L’attrice Cristina Ricci ha fatto del suo viso minuto il suo punto di forza. Porta spesso i capelli raccolti, mettendo in risalto il suo fascino.

il trucco per il mento a punta

Il trucco degli occhi è leggero ma sofisticato, mentre il sorriso è appena accentuato da un gloss che le illumina il viso e distoglie l’attenzione dal mento a punta.

Vediamo quali sono i rimedi e come fare a truccare al meglio un viso con un mento a punta:

Crea un’ombra: con un fondotinta di un tono appena più scuro della tua carnagione ombreggia la zona tra gli zigomi e le tempie. Va benissimo anche il fondotinta che di solito usi nella stagione estiva, a patto che non sia troppo scuro, perché la correzione non deve essere troppo evidente. In mancanza di questo, però, puoi benissimo utilizzare un colore di blush nei toni del biscotto.

 

Schiarisci: con un fondotinta dello stesso tono della tua pelle, rendendo più chiara la zona tra la base dell’orecchio fin sotto l’angolo esterno della bocca. Per la stesura aiutati con una spugnetta, in modo da sfumare bene i contorni, che anche qui non devono essere evidenti.

 

Ombreggia il mento: con una terra o un fard crea un’ombra scura sul mento, all’altezza della punta del naso. Assicurati però che il colore che stai utilizzando non sia troppo scuro: il rimedio, per essere efficace non deve notarsi troppo, altrimenti rischi di creare sul viso una maschera.

 

Ridisegna le sopracciglia: anche le sopracciglia sono importanti ai fini della correzione, perché la loro forma e posizione possono aiutarti a ridimensionare il mento a punta. Allora procurati una matita dello stesso colore delle tue sopracciglia e inizia col riempire i vuoti che hanno lasciato i peletti mancanti. La forma deve essere quanto più arcuata e diretta verso l’alto. Attenzione però, a non stravolgere eccessivamente il tuo disegno naturale.

 

 

Qualche consiglio in più per il trucco del mento a punta:

  • Il trucco occhi deve essere fatto nei colori naturali, sfumandoli bene verso l’esterno, in modo da seguire una linea che si allunghi verso l’esterno e ingrandisca così lo sguardo.
  • Disegnando il contorno delle labbra evita forme troppo arrotondate, ma piuttosto allungale verso l’esterno. I colori di rossetto da prediligere sono quelli rosati e ambrati, che non sottolineano eccessivamente la distanza labbra-mento.
  • Anche la pettinatura è importante: usa capelli raccolti o con un ciuffo che accarezza il viso. evita invece la frangia, che accentua la lunghezza del mento.

 

 

Articoli correlati:

No comments yet

Leave a Reply