Sfumature occhi: truccati come le star!
Scopri l'Ebook

Sfumature occhi: truccati come le star!

2 dic

Le sfumature sugli occhi sono senza dubbio ciò che rende sensuale un make up, perché donano allo sguardo un’aria sofisticata e magnetica allo stesso tempo. Forse è per questo motivo che i make up artist si divertono molto ad utilizzare questa tecnica con le grandi star. Un esempio è Hilary Duff, che qui vediamo fotografata da un’angolazione che permette di cogliere benissimo la sfumature sugli occhi realizzate con matita e ombretto.

sfumature sugli occhi Jennifer Lopez

Matita e ombretto: ricorda questo fantastico accoppiamento quando la prossima volta vorrai cimentarti in un trucco del genere: eh già, perché per costruire una sfumatura sugli occhi degna di questo nome lavorare con due prodotti che operano in perfetta sinergia tra loro.

 

Il ruolo di matita e ombretto

Spesso si pensa che basti un po’ di ombretto per creare una buona sfumatura: certo, l’ombretto di permette di poter giocare molto con i colori, ma una cosa che non tutte considerano è la tenuta del make up durante tutto il giorno o nel corso della sera. A mio parere, per far sì che una sfumatura sugli occhi sia eseguita a regola d’arte ma duri anche delle ore, è necessario prendere in considerazione il fatto di utilizzare matita e ombretto insieme.

♦  La matita: quando pensiamo a sfumature e matita, chissà perché la prima cosa che viene in mente è lo smokey eyes, un classico del make up. Ma non è detto che bisogna per forza realizzare un trucco così marcato! Un esempio evidente lo abbiamo nella foto che mostra come il trucco di Hilary Duff sia ben sfumato, ma nonostante ciò non risulti eccessivamente scuro e intenso. In un trucco come lo smokey eyes o simili, il ruolo della matita è quello di creare una base all’ombretto, in modo tale che non solo il colore venga esaltato, ma anche la tenuta sia decisamente più duratura! Prima di applicare l’ombretto sopra la matita è necessario naturalmente sfumarla un po’, altrimenti dopo sarà molto difficile.

♦  L’ombretto: può essere di una tonalità più chiara, più scura o simile a quella della matita che hai applicato e sfumato sotto, dipende dall’effetto che vuoi ottenere. Personalmente trovo interessante l’effetto che si ottiene applicando un ombretto più chiaro, ad esempio grigio, su una matita nera: è proprio quello che ha fatto la star Hilary Duff in questa occasione, per dare forza allo sguardo senza appesantirlo.

 

Il pennello giusto

pennello da sfumatura piatto Zoeva 226Naturalmente, per creare una sfumatura sugli occhi, c’è bisogno di un pennello da sfumatura. Ma non sempre è così! Questo tipo di pennelli hanno delle caratteristiche ben precise, ovvero possiedono setole morbide e disposte a cerchio in modo da espandere il colore in modo delicato (per saperne di più vai all’articolo sui pennelli da sfumatura). Il problema in questo caso non sta tanto nella sfumatura della palpebra superiore, che in genere è abbastanza ampia, ma piuttosto in quella inferiore, dove c’è il rischio di ottenere il tanto temuto “effetto panda” se ci si spinge troppo verso il basso. A questo proposito il mio consiglio è di utilizzare un pennello morbido ma con le setole piatte. Per capire di cosa sto parlando, un esempio potrebbe essere il pennello n.226 di Zoeva, che è piatto, ma ha una superficie non sottile come i classici pennelli a lingua di gatto, e che permette quindi un leggero margine di sfumatura sotto l’occhio senza rischiare di sbagliare.

 

 

Articoli correlati:

4 Responses to “Sfumature occhi: truccati come le star!”

  1. Nuvoletta 2 dicembre 2013 at 13:29 #

    Jennifer Lopez? Credo si tratti della Duff 😉

    • Maria Carmela
      Maria Carmela 2 dicembre 2013 at 22:44 #

      Ahahah è vero! L’ho completamente scambiata! 😀

  2. Francesca 4 dicembre 2013 at 10:58 #

    Grazie! Molto utile questo articolo!

  3. mary 6 marzo 2014 at 11:34 #

    …bello il tuo blog! Mi consiglieresti un phard simile a quello che la Duff ha nella foto?! Mi piace molto che risulti così naturale… Grazie e continua così!

Leave a Reply